Lavorare ovunque

Ripensare la sicurezza per la forza lavoro di oggi con Zscaler Internet Access

utente a casa

A causa della pandemia di COVID-19, sempre più dipendenti lavorano da remoto. Sebbene il lavoro da qualsiasi luogo sia vantaggioso dal punto di vista della salute, ha richiesto ai reparti IT di adattare le proprie infrastrutture per renderle più resilienti e supportare la continuità aziendale minimizzando le interruzioni, e al contempo di prepararsi ad affrontare nuovi rischi e incertezze future. Ad esempio, man mano che il volume degli utenti in remoto cresce, l'instabilità della VPN aumenta, il che spinge gli utenti a spostarsi fuori dalla rete, collegandosi direttamente alle app cloud, evitando i controlli di sicurezza.

Le persone che lavorano da casa, inoltre, sono il target esplicito di molte minacce, alcune delle quali sfruttano esche legate alla pandemia di COVID-19 per distribuire malware. Per affrontare queste nuove sfide e proteggere i dipendenti in remoto e i loro dati, i reparti IT hanno bisogno di un approccio nuovo e flessibile.

Con Zscaler Internet Access (ZIA), che include Cloud Firewall, Cloud Sandbox e Cloud DLP, le aziende sono in grado di proteggere i dipendenti in modo completo, indipendentemente dalla loro posizione o dal dispositivo, assicurando connessioni dirette a Internet veloci e proteggendoli dalle violazioni e dall'esfiltrazione dei dati, il tutto a una frazione del costo degli approcci tradizionali. 

Diamo un'occhiata più da vicino al modo in cui queste soluzioni si combinano per offrire agli utenti la libertà di lavorare ovunque e in modo sicuro.  
 

Proteggere tutte le connessioni con Zscaler Client Connector

Zscaler Client Connector assicura connessioni veloci e sicure, indipendentemente dalla posizione dell'utente. Prima che il dispositivo dell'utente si colleghi a Internet, Client Connector stabilisce una connessione sicura al cloud Zscaler.
Sfruttando Z-tunnel 2.0, tutto il traffico, le porte e i protocolli passano attraverso Zscaler per l'ispezione, e questo consente agli utenti di avere un'esperienza di accesso diretta, rapida e sicura all'applicazione, senza la necessità di una VPN, che influirebbe negativamente sulle prestazioni.


Stessa protezione sulla rete e fuori dalla rete con Advanced Cloud Firewall

Quando le persone lavorano in remoto, utilizzano applicazioni diverse e mostrano comportamenti di navigazione diversi da quelli che adotterebbero sulla rete. Dato che i firewall tradizionali non proteggono gli utenti esterni alla rete, la possibilità che questi vengano infettati da malware aumenta in modo significativo. Nella situazione attuale, in cui vi è la possibilità da qualsiasi luogo, le aziende devono tenere in considerazione queste differenze nel comportamento degli utenti e devono essere in grado di adattare facilmente le proprie policy aziendali per applicarle alle connessioni esterne alla rete. Queste policy riguardano, ad esempio, il blocco di BitTorrent e delle app RDP (Remote Desktop Protocol), come Teamviewer, indipendentemente da porta o protocollo, dispositivo o posizione dell'utente, tattiche di elusione o crittografia SSL. Con Zscaler Advanced Cloud Firewall e Z-tunnel 2.0, è possibile ottenere la stessa protezione con un'unica policy uniforme, indipendentemente da dove si connetta l'utente.
 

Una protezione sempre attiva dalle minacce avanzate con Cloud Sandbox

Gli utenti sono più vulnerabili ai ransomware e ad altri attacchi quando sono fuori dalla rete e lontani da un gateway sicuro. Per proteggere questi utenti esterni alla rete, Zscaler Cloud Sandbox si rivela uno strumento fondamentale, che rileva e previene la distribuzione di attacchi mirati avanzati. Con Advanced Cloud Sandbox di Zscaler, la consegna di file sconosciuti può essere interrotta fino a quando non ne viene confermata l'innocuità, riducendo così la probabilità di attacchi da paziente zero, sempre più popolari tra gli aggressori che cercano entrate secondarie per accedere alle reti aziendali. Inoltre, l'ispezione SSL completa consente di analizzare ogni byte di traffico, permettendo quindi di individuare le minacce nascoste prima che possano raggiungere gli utenti.
 

Cloud DLP previene l'esfiltrazione dei dati, ovunque

La perdita dei dati, intenzionale o involontaria, può rappresentare un incubo per i team che si occupano di sicurezza e conformità, soprattutto se i dati esfiltrati sono riservati o sensibili. Zscaler Cloud DLP impedisce che tutto questo accada, eliminando i punti ciechi grazie alle funzionalità native di ispezione SSL. Inoltre, la tecnologia Zscaler Exact Data Match favorisce la conformità, identificando automaticamente le informazioni personali per mantenerle al sicuro dall'esposizione e dall'esfiltrazione. In questo modo, il profilo di sicurezza dell'azienda è rafforzato e i rigorosi standard di conformità odierni sono soddisfatti.

Con Zscaler Internet Access, Cloud Firewall, Cloud Sandbox e Cloud DLP, l'azienda sarà ben attrezzata per proteggere i propri dipendenti, ovunque si stiano connettendo, ma sarà anche dotata dell'infrastruttura giusta per adattarsi al lavoro da qualsiasi luogo. Inoltre, questo miglioramento del profilo di sicurezza può essere ottenuto senza influire negativamente sulle esperienze degli utenti e senza i costi derivanti dall'aggiunta e dalla gestione di hardware man mano che le esigenze aumentano.

Zscaler ha già aiutato migliaia di clienti ad adattarsi alla nuova realtà del lavoro da qualsiasi luogo, consentendo loro di essere resilienti, di preservare la produttività dei dipendenti e, soprattutto, la loro sicurezza.

Scopri di più su come Zscaler Internet Access può sostenere il lavoro da qualsiasi luogo. 
 


Jen Toscano è Senior Product Marketing Manager presso Zscaler
 

Resta aggiornato su novità e suggerimenti nel mondo della trasformazione digitale.

Inviando il modulo, accetti la nostra informativa sulla privacy.